LA DEPRESSIONE NON HA UNA EREDITARIETÀ SEMPLICE

Share
image

LA DEPRESSIONE NON HA UNA EREDITARIETÀ SEMPLICE

La depressione non è una malattia strettamente ereditaria, ma vivere a stretto contatto con una persona malata può sviluppare in chi gli sta accanto uno stato di profonda tristezza e un senso di impotenza.

La depressione non si trasmette semplicemente di madre in figlio: sebbene per anni sia stata sostenuta l’ipotesi di una base unicamente genetica per la depressione, una ricerca pubblicata sull’American Journal of Psychiatry ha recentemente affermato che questa patologia multifattoriale e complessa ha sicuramente dei fattori ereditari e genetici, che però si combinano con altri fattori di rischio di tipo ambientale.

L’articolo, pubblicato nel maggio 2019, spiega infatti che la depressione non è strettamente ereditaria e che piuttosto può essere definita familiare, nel senso che può circolare tra i vari componenti di una stessa famiglia: nello studio, infatti, emerge che i figli di genitori con trascorsi legati a una depressione incorrono in una maggiore probabilità di sviluppare il medesimo disturbo. 

I risultati indicano che la correlazione fra tali situazioni e i disturbi depressivi è reale, ma che è dovuto a cause differenti rispetto a quelle ipotizzate. La genetica e il contesto  in cui si vive sono due elementi che per esempio concorrono allo sviluppo della depressione; una recente ricerca ha svelato come i giovani cresciuti a stretto contatto con situazioni depressive, avevano l’area destra del cervello - quella legata  alla gratificazione, alla motivazione e all’esperienza del piacere - più piccola rispetto a quella dei coetanei.

Esiste quindi un rischio biologico legato alla possibilità di sviluppare una qualche malattia, che sia psicologica o meno, e questo è molto influenzato dai fattori ambientali. Chiaramente anche chi ha un bassissimo rischio genetico di sviluppare la depressione, può ugualmente sviluppare la malattia in caso di situazioni fortemente difficili, ma maggiore è la predisposizione biologica, minore deve essere il fattore ambientale in grado di scatenare la depressione. 

Fonti:
https://ajp.psychiatryonline.org/doi/full/10.1176/appi.ajp.2018.18070881
https://jaacap.org/article/S0890-8567(19)32101-X/fulltext
https://www.fondazioneveronesi.it/magazine/articoli/neuroscienze/la-depressione-dei-genitori-si-vede-anche-nel-cervello-dei-figli#:~:text=La%20risposta%20%C3%A8%20no%3A%20la,componenti%20di%20uno%20stesso%20nucleo
Stai per lasciare il sito web

Stai per lasciare il sito web ABCDepressione di proprietà di Janssen-Cilag S.p.A.

Le informazioni contenute nel sito web a cui stai per accedere potrebbero non essere conformi alla normativa vigente in materia di pubblicità sui medicinali.

Janssen-Cilag S.p.A. non è responsabile per la privacy policy del sito web a cui ti porterà questo link, nè per l'attendibilità o correttezza dei contenuti pubblicati all'interno del sito stesso.

Premi OK per continuare.