FAQ

Share
Che cos'è la Depressione Maggiore?

È una forma di depressione particolarmente grave che influisce a 360 gradi sullo stato di salute di chi ne è affetto, sulle sue relazioni interpersonali e lavorative. Causa un elevato numero di problematiche e sintomi, sia fisici, sia emotivi, che cognitivi. Si può manifestare come un singolo episodio nel corso della vita di un individuo, oppure con periodi di malattia dalla durata variabile, separati uno dall'altro da almeno due mesi di benessere. Viene diagnosticata quando almeno 5 dei seguenti sintomi si sono presentati quotidianamente per un periodo di almeno 2 settimane:

  • Umore depresso
  • Marcata diminuzione di interesse o piacere per tutte o quasi tutte le attività, per la maggior parte del giorno, quasi tutti i giorni
  • Significativo aumento o perdita di peso
  • Insonnia o ipersonnia
  • Agitazione o rallentamento psicomotorio
  • Stanchezza o perdita di energia
  • Sentimenti di autosvalutazione o di colpa eccessivi
  • Diminuita capacità di pensare o concentrarsi o indecisione
  • Pensieri ricorrenti di morte o di suicidio
Come si fa a distinguere tra tristezza “normale” e sintomo depressivo?

La tristezza, la demoralizzazione o la riduzione del tono dell’umore tipica di una sindrome depressiva possono essere fenomeni poco distinguibili e in apparenza anche totalmente identici. Non è sempre facile distinguere tali sfumature e differenziare uno stato d’animo fisiologico sebbene spiacevole da un vero e proprio sintomo depressivo.

Un criterio che può aiutare a distinguere le due situazioni è l’eventuale collegamento ad un avvenimento scatenante come una separazione, un tracollo finanziario, un problema stressante sociale, famigliare o lavorativo. Altri segnali utili a differenziare le varie condizioni sono sicuramente l’intensità e la durata. Chi si sente triste spesso gradualmente ricomincia a frequentare gli amici e ad avere il solito stile di vita, al contrario questo non accade nel malato di depressione in cui invece i disturbi si manifestano con una tale intensità da compromettere in maniera significativa lo svolgimento delle normali attività quotidiane e spesso non si osserva un miglioramento spontaneo di tali manifestazioni.  In ogni caso, il colloquio con lo specialista è l’unica modalità idonea a formulare una corretta diagnosi.

L’omeopatia è efficace contro la depressione?

Assolutamente no. Non ci sono studi scientifici che dimostrino l'efficacia dei prodotti omeopatici e neppure di altre medicine non tradizionali per quanto riguarda i disturbi depressivi. Spesso l'unico risultato che si ottiene è quello di ritardare la visita dallo specialista e l'inizio di cure veramente efficaci, portando ad un aggravamento della patologia depressiva.

Mi sento meglio: posso interrompere la terapia?

La decisione spetta sempre allo specialista. Quando la cura funziona, il paziente sta bene e spesso ritiene autonomamente che non sia più necessario proseguirla. Ma questo può essere un errore che si paga a caro prezzo, infatti il rischio è quello di cadere in una nuova crisi depressiva, che in più potrebbe rispondere in misura minore alla cura che era stata interrotta.

Lo stile di vita può proteggermi dalla depressione?

Un regime alimentare equilibrato, una regolare attività fisica, una buona qualità del sonno, contribuiscono a mantenere un equilibrio psichico e fisico. Di conseguenza, si è meno vulnerabili e a rischio di depressione.

Ho appena partorito e piango spesso, sono triste: perché non sono felice?

È normale l’instabilità emotiva nei giorni successivi al parto ed è uno stato d’animo così diffuso da aver ottenuto un nome: Baby Blues, oppure Maternity Blues. A causarlo è il brusco ma naturale calo ormonale degli estrogeni e del progesterone a seguito del parto. I sintomi durano al massimo una settimana dopo la nascita del bambino ma è importante tenere sotto controllo le donne con Maternity Blues perché nel corso del primo anno successivo al parto, in circa due casi su dieci si manifestano i sintomi della Depressione Maggiore.

Quanto dura la cura farmacologica?

Non esiste un tempo specifico e prefissato che sia universale per tutti. Per esempio, nel caso della Depressione Maggiore, quando si raggiunge un risultato soddisfacente e la remissione dei sintomi, il periodo di mantenimento può variare da sei mesi a oltre due anni.

È necessario seguire un trattamento psicologico?

Spesso è consigliabile un percorso di psicoterapia da seguire in contemporanea alla cura farmacologica: molti studi hanno dimostrato che l’associazione dei due trattamenti garantisce un’efficacia maggiore rispetto al singolo trattamento. In altri casi la psicoterapia può costituire anche l’unico intervento terapeutico indicato.

A chi rivolgersi quando si parla di depressione?

Il primo passo è quello di parlare col proprio medico di medicina generale. Nel caso di disturbi lievi, può prescrivere una terapia farmacologica, mentre se la forma è più grave, è necessario rivolgersi allo specialista in psichiatria in seguito al consiglio del medico.

Come avviene la diagnosi e quali sono i sintomi?

Si basa innanzitutto su un lungo colloquio con il paziente e con i suoi cari, in modo da raccogliere più informazioni possibili sui sintomi. Chi è depresso vive in uno stato di profondo abbattimento psicologico, con incapacità di provare piacere, interessi, perdita di motivazione e di concentrazione. In più, sonno e appetito sono alterati e sono costanti i sensi di colpa, la spossatezza fisica, la perdita dell’energia. In alcune persone è presente anche l’ideazione di morte passiva (‘vorrei mi venisse un infarto, vorrei morire per un incidente’) e, a volte, anche quella attiva (“ho pensato di gettarmi dal balcone per farla finita”).

I farmaci antidepressivi sono i medesimi per tutti?

La scelta si basa su un’accurata e personalizzata valutazione specialistica e dipende dalla gravità e dalle caratteristiche del disturbo e dalla storia clinica del paziente.

Stai per lasciare il sito web

Stai per lasciare il sito web ABCDepressione di proprietà di Janssen-Cilag S.p.A.

Le informazioni contenute nel sito web a cui stai per accedere potrebbero non essere conformi alla normativa vigente in materia di pubblicità sui medicinali.

Janssen-Cilag S.p.A. non è responsabile per la privacy policy del sito web a cui ti porterà questo link, nè per l'attendibilità o correttezza dei contenuti pubblicati all'interno del sito stesso.

Premi OK per continuare.