ASSISTERE I PROPRI CARI

Share

Nonostante vengano riconosciuti e si manifestino generalmente con una certa gradualità, i sintomi della depressione e la sua diagnosi segnano un momento di grande cambiamento nella famiglia: un momento in cui diventano protagoniste le difficoltà di comunicazione, i silenzi, le domande irrisolte e gli equilibri vengono destabilizzati. Ma si possono fare importanti passi avanti per ritrovare la serenità.

assistere i propri cari

Trovare dei nuovi ritmi

La depressione non si “vede”, è subdola, non dà sintomi o segni fisici come traumi o altre patologie organiche, e questo porta i familiari a chiedersi erroneamente, talvolta, se davvero può considerarsi una malattia. Per questo motivo è necessaria una valutazione specialistica che imposti una terapia di cura per il malato e che dia ai familiari i giusti strumenti per ricostruire una serena convivenza e quotidianità. Questo non significa “ignorare il problema”. Al contrario, significa accettare la malattia, con la consapevolezza di possibili evoluzioni e oscillazioni di essa, allontanando sentimenti di colpa, impotenza e disperazione.

Costruire una nuova quotidianità

Per la persona affetta da depressione è essenziale invece mantenere il più possibile l’autonomia, con il costante supporto delle persone che vivono al suo fianco. È importante aiutarlo nell’aderenza alla terapia farmacologica, trovando insieme le giuste strategie per una corretta assunzione, come un memorandum sul telefono cellulare oppure i post-it posizionati in punti ben visibili. Può risultare utile anche tenere un vero e proprio “diario di bordo”, dove tutti i familiari possono contribuire, riportando eventi o impressioni riguardanti la vita nel nucleo familiare.

Mantenere la propria autonomia

Quando si manifesta, la depressione diventa il perno attorno a cui ruota la vita di tutta la famiglia. Questo può portare i caregiver a non avere più una propria autonomia e a vivere esclusivamente in funzione del proprio caro. Ecco perché è utile che anche i familiari si confrontino costantemente con il medico di famiglia oppure con uno specialista. Nonostante non risulti semplice, il suggerimento è di continuare a mantenere il proprio stile di vita personale cercando di creare meno ripercussioni possibili sul proprio lavoro e sulla propria sfera sociale e affettiva.

Fonti
Manuale di psichiatria, A. Rossi, M. Amore, B. Carpiniello, A. Fagiolini, G. Maina, A. Vita. Ed. Edra
National Institute of Mental Health (www.nimh.nih.gov)

 

Stai per lasciare il sito web

Stai per lasciare il sito web ABCDepressione di proprietà di Janssen-Cilag S.p.A.

Le informazioni contenute nel sito web a cui stai per accedere potrebbero non essere conformi alla normativa vigente in materia di pubblicità sui medicinali.

Janssen-Cilag S.p.A. non è responsabile per la privacy policy del sito web a cui ti porterà questo link, nè per l'attendibilità o correttezza dei contenuti pubblicati all'interno del sito stesso.

Premi OK per continuare.